Nel 2013 i ricorsi all'Arbitrato Bancario Finanziario sono cresciuti del 39%

In crescita l'arbitrato bancario

Sempre più clienti scelgono di rivolgersi all'Arbitrato Bancario Finanziario, un sistema alternativo al tribunale per risolvere le controversie tra i clienti e le banche o gli altri intermediari finanziari.

Dal rapporto recentemente pubblicato dalla Banca d'Italia emerge, infatti, che nel 2013 sono stati presentati 7.862 ricorsi, con un incremento del 39% rispetto al 2012. Nella stragrande maggioranza dei casi (l'87%) sono stati i clienti consumatori a scegliere di ricorrere all'Arbitrato Bancario Finanziario.

Un altro dato degno di nota riguarda l'esito dei ricorsi che nel 70% dei casi è stato favorevole per il cliente, entrando nel dettaglio delle decisioni il 36% dei ricorsi sono stati accolti (interamente o parzialmente) e per il 34% è cessata la materia del contendere i seguito ad un accordo tra le parti. Il 30% dei ricorsi sono stati, invece, respinti, poiché ritenuti infondati, per non essere state adeguatamente provate le ragioni del cliente o a causa del mancato rispetto delle regole procedurali.